L’impegno e i vantaggi per il fornitore

Adottare best practice di sostenibilità è fonte di indiscutibili vantaggi non solo per Italgas, ma anche e soprattutto per i fornitori che collaborano con l’azienda. Attivare politiche di sostenibilità porta vantaggi diretti e indiretti indiscutibili, tra cui:

  • Riduzione dei costi diretti ed indiretti attraverso l’introduzione di pratiche più efficienti su prodotti e processi
  • Aumento del fatturato, utilizzando il processo di sostenibilità come un’opportunità anche per acquisizione di nuovi segmenti di clientela e contratti
  • Diminuzione dei rischi ambientali e sociali (ad es. rispetto leggi ambientali e sicurezza sul lavoro) con conseguente ritorno in termini di affidabilità e competitività.
  • Nuovo posizionamento reputazionale, in grado di attivare nuovi canali di comunicazione con gli stakeholder.

La relazione con i fornitori

Ogni fornitore, per iniziare a collaborare con il gruppo Italgas, deve superare diverse fasi di valutazione preliminare in funzione del livello di criticità della merceologia. Per fare questo il gruppo italgas ricorre a criteri di valutazione che tengono conto del volume degli ordini forniti, della rilevanza economica, degli investimenti effettuati e dell’analisi dei costi operativi. La valutazione è effettuata con il supporto sistematico di strumenti informatici al fine di garantire la tracciabilità e confrontabilità delle informazioni raccolte.
Infatti, in un’ottica di trasparenza generale, il gruppo Italgas vuole garantire che il processo di selezione, sia in fase di qualifica che di assegnazione dei contratti, assicuri a tutti pari opportunità una volta soddisfatti gli standard qualitativi richiesti.

Il gruppo Italgas, in particolare nella fase di qualifica, dedica poi grande attenzione alla gestione dei rischi relativi alla sfera economica, ambientale e sociale del fornitore. Questo avviene per le merceologie ritenute più critiche, le cui procedure prevedono requisiti anche molto stringenti, come, ad esempio, il possesso da parte del fornitore di sistemi di gestione certificati.
Nel 2013 sono state effettuate 638 nuove qualifiche o rinnovi di qualifiche. Alla fine del 2013 risultavano qualificati un totale di 4.565 fornitori. I fornitori inseriti nelle classi di criticità A e B (che rappresentano il livello più critico) hanno registrato nel 2013 un procurato superiore al 63% del procurato totale del Gruppo Italgas.

Affidabilità e continuità della partnership

Il gruppo Italgas considera di fondamentale importanza mantenere un dialogo continuo con il fornitore e per questo punta a costruire rapporti durevoli nel tempo che abbiano, quindi, un’affidabilità intrinsecamente maggiore.

Durante la collaborazione con il gruppo Italgas, il fornitore è monitorato con audit, visite ispettive e processi di valutazione delle prestazioni, sia per andare incontro alle sue richieste di assistenza sia per verificare che la partnership prosegua in modo lineare e coerente nel corso degli anni.
Nella valutazione delle prestazioni è tenuto in grande considerazione anche il comportamento di responsabilità sociale e ambientale e le performance sono stabilite anche tramite valutazioni specifiche.
Il gruppo Italgas si pone come partner per la crescita e il miglioramento delle pratiche di business dei propri fornitori. Migliorare le performance dei fornitori significa migliorare le performance del gruppo Italgas. Nel 2013 ad esempio sono stati raccolti 941 feedback.